Preparazione campione per VA: digestione UV

La voltammetria, essendo altamente specifica, può gestire alti carichi di concentrazione salina.

Tuttavia una contaminazione di organici può interferire con le analisi in tracce di metalli pesanti. Il 909 UV Digester può rapidamente ed efficacemente degradare le molecole organiche attraverso la fotolisi UV, consentendo in tal modo analisi affidabili.

909 UV Digester with operator

Caratteristiche

  • Disponibile per campioni con una contaminazione organica medio bassa
  • Digestione completamente automatica di 12 campioni a ciclo
  • Basso rischio di contaminazione del campione dovuto alle basse quantità di reagenti utilizzati
  • Metodo consigliato da procedure standard
  • Digestione controllata da temperature e tempo

Digestore UV: come funziona

Dopo una piccola aggiunta di  H2O2 al campione per iniziare la radicalizzazione, il campione viene irradiato con luce UV a lunghezze d’onda di 200–400 nm, la produzione spontanea di radicali OH reagisce con le molecole organiche.

Nella risultante reazione radicalica a catena, tutte le molecole organiche vengono deteriorate a composti a basso pero molecolare come CO2, H2O, N2, o NH3 che non interferiscono con le analisi VA.
909 UV Digester with cross-section

Preparazione semplice - suggerita da procedure standard

Per campioni trasparenti che evidenziano una contaminazione medio-bassa di organici,concentrazione del carbonio superiore approsimativamente 100 mg/L, la digestione UV è il metodo da scegliere. Le procedure standard raccomandano la preparazione da fotolisi UV compreso le seguenti:

  • DIN 38406, Part 16: Determination of zinc, cadmium, lead, copper, thallium, nickel, cobalt by voltammetry

  • DIN 38406, Part 17: Determination of uranium – Method using adsorptive stripping voltammetry in surface water, raw water and drinking water

Digestione completamente automatica

Il 909 UV Digester rende la preparazione del campione completamente automatica.

Tutti i 12 campioni, sono posizionati attorno alla lampada UV per permettere una irradiazione uniforme, e possono essere trattati contemporaneamente.
Sample holder of 909 UV Digester

Fotolisi in condizioni controllate

Dopo che l’utilizzatore ha impostato i parametri di temperatura e tempo, il 909 UV Digester assicura che le condizioni siano mantenute: un sensore di temperatura Pt1000 misura la temperatura di digestione in un campione di riferimento, attraverso un microprocessore di controllo integrato si visualizzano i dati di temperatura e tempo. 

Detail display 909 UV Digester

Nessuna evaporazione del campione o perdita di analiti volatili

I tappi in TFE che sono posizionati sui contenitori di quarzo agiscono come condensatori, prevenendo l’evaporazione del campione.

Ciò significa anche che il 909 UV Digester può essere utilizzato per la preparazione del campione quando si analizzano campioni contenenti mercurio, arsenico, selenio o che sono volatili a temperature elevate o che possono facilmente formare composti volatili.
Pt1000 temperature sensor in sample vessel for 909 UV Digester

Manutenzione ridotta del raffreddamento ad aria

La lampada UV, che è il cuore del UV Digester, genera calore; questo è dissipato da una ventola posta alla base dello strumento. Questo sistema di raffreddamento è vantaggioso e nessuna linea di acqua è necessaria 
909 UV Digester view from top right

Operatività facile e sicura

Il  909 UV Digester comprende in un unico bloccco le parti umide e la parte elettronica.

Quest'ultima serve per il funzionamento dello strumento e, tramite un display, fornisce informazioni sulla digestione corso. Gli utenti che operano sullo strumento sono protetti dalle dannose radiazione UV  da uno schermo montato su di esso.
909 UV Digester complete view

Downloads